La cicatrice è il risultato della riparazione di una lesione di continuo della pelle di origine traumatica o patologica. Infatti le cicatrici sono l’inevitabile conseguenza di un traumatismo sul tessuto cutaneo e si possono formare in seguito ad un incidente stradale o quale esito di un intervento chirurgico. Sebbene le cicatrici siano una lesione permanente tendono ad attenuarsi e rendersi meno evidenti con il trascorrere del tempo. In alcuni casi però si possono avere delle cicatrici cosiddette patologiche come i cheloidi, le cicatrici ipertrofiche e le cicatrici diastasate.

  1. CHELOIDE: è considerata una vera neoformazione cutanea che origina da una cicatrice caratterizzata dall’essere spessa, arrossata, dolente e pruriginosa. La sua caratteristica, che la distingue da quella ipertrofica, è quella di estendersi oltre i limiti della cicatrice da cui prende origine. I cheloidi possono localizzarsi in qualsiasi area corporea ma si formano con maggiore frequenza a livello della regione sternale, della regione deltoidea e della regione auricolare. Rappresenta un problema estetico di notevole importanza per chi ne è affetto.


  2. CICATRICE IPERTROFICA: è il risultato di una anomalia di cicatrizzazione, si differenzia dalla cicatrice cheloidea in quanto il tessuto cicatriziale neoformato non supera i confini della cicatrice da cui deriva. Clinicamente si presenta arrossata e rilevata sul piano cutaneo e può accompagnarsi ad intenso prurito e dolore.


  3. CICATRICE DIASTASATA: e’ la tipica cicatrice conseguente ad un intervento chirurgico, è una cicatrice con scarse fibre elastiche e collagene e per tale motivo non riesce a resistere alla tensione e tende a slargarsi e ad avere dimensioni maggiori rispetto a quelle iniziali.
     

La cicatrizzazione è un fenomeno complesso nel quale entrano in gioco molti fattori quali il tipo di evento che ha determinato la cicatrice, la sede nella quale si trova, la reattività individuale e le precauzione messe in atto durante la fase di guarigione. Molto spesso ci si rivolge all’attenzione del chirurgo plastico in quanto si pensa di poter “eliminare” una cicatrice ma purtroppo questo non è possibile. Le cicatrici infatti sono delle lesioni permanenti che possono essere ridotte, migliorate e rese esteticamente accettabili. I trattamenti in mano allo specialista per migliorare una cicatrice sono di tipo medico e chirurgico e prima di intervenire chirurgicamente andrebbero prese in considerazione tutte le metodiche meno invasive per cercare di attenuarle; questo vale soprattutto per le cicatrici ipertrofiche e cheloide in cui dopo il trattamento chirurgico esiste la reale possibilità di recidiva e peggioramento delle stesse. Come regola del tutto generale è buona norma attendere un periodo di almeno sei mesi – un anno per valutare la qualità di un esisto cicatriziale, infatti durante questo periodo si attraversano diverse fasi che iniziano con quella infiammatoria, che dura circa 3 mesi, nella quale la cicatrice appare arrossata e visibile, a cui segue quella proliferativa e infine quella della maturazione in cui assume un aspetto definitivo.

 

Trattamenti che possono essere messi in atto sono di tipo medico e chirurgico

I trattamenti medici consistono:

  1. massaggio
  2. applicazione di apposite creme o gel
  3. compressione
  4. trattamento iniettivo con cortisonici
  5. laserterapia
  6. crioterapia
  7. dermoabrasione

 

I trattamenti di tipo chirurgico sono maggiormente invasivi e consistono:

  1. escissione intralesionale della cicatrice (senza estendersi oltre i limiti della stessa)
  2. escissione completa (indicata per le cicatrici ipertrofiche)

 

Il trattamento più idoneo non segue una regola generale ma va attentamente valutato dallo specialista in base al tipo di cicatrice da trattare (traumatica, cheloidea, ipertrofica, da ustione) dalle sue dimensioni e dalla sua localizzazione. E’ di fondamentale importanza che il paziente comprenda le reali possibilità di miglioramento al fine di effettuare una scelta chiara e consapevole.

Per maggiori informazioni sull'intervento di chirurgia plastica di revisione delle cicatrici a Roma c/o lo Studio Medico in Via Ipponio, 2 - Cap 00183, è possibile contattare il Dott. Ingratta telefonando al numero oppure scrivendo direttamente attraverso il sito nell'apposito modulo di contatti.

Per garantire la massima tranquillità e trasparenza a tutti i pazienti che si recano presso i suoi centri il Dott. Ingratta garantisce l'utilizzo di prodotti certificati. Dott. Andrea Ingratta


Dott. Andrea Ingratta Dott. Andrea Ingratta